chi è di funghi e chi è di zucchine

Ultimo giorno di luglio. Domenica. Milano. Le strade, insolitamente silenziose, sembra attendano un’ondata, il passaggio di qualcosa dalla misteriosa rilevanza che sai che mai arriverà. E tu, influenzata da tanta inerzia, indugi a passi lenti, i piedi soffocati dal calore dell’asfalto, gli abiti dal tessuto viziato dall’aria umida, i radi rumori rubati alla lenta vita quotidiana. Un tintinnio…

Tutto nella norma

“Tutto nella norma, Signora. Ci vediamo a novembre.” Mi guarda con fare distratto alzando appena la testa dagli incartamenti e, con la leggerezza di chi sta intimamente programmando le prossime vacanze, accenna un sorriso vagamente puerile. Resto qualche secondo immobile, seduta come un piombo sul lettino di cui ho gualcito, e in parte strappato, la ruvida carta che lo…

E gira la roeuda la gira

La poesia sa sorprendere. In questi giorni di frenetico andirivieni in cui ho dovuto accantonare me stessa, i sentimenti, i desideri e le amate consuetudini, una serie di piccole emozioni hanno addolcito l’arida rincorsa. Nel bel mezzo di ottuse incombenze squisitamente burocratiche fra notai, banche, traslochi, pulizie, commissariati, riordino di cose mie e dei ricordi di…

la pallina pelosa rotola e rotola allegramente

I più pericolosi dei nostri pregiudizi regnano in noi contro noi stessi. Dissiparli è ingegno. (Hugo Von Hofmannsthal, Il libro degli amici, 1922) Ore 20, un giorno qualunque di un luglio in città. Io, Silvia, tre ragazzi che lavorano nella pizzeria accanto a casa, una ragazza che non conosco e Beba il cane. In sette, sul marciapiede, a giocare…

quel rustico, villereccio chioschetto

Asfalto. Pressato, scuro, liscio, sembra ti accompagni, con fare fosco, a rendere i passi sempre più grevi. Estate in città. Il tessuto leggero della gonna si gonfia di un poco e ridi del moto innaturale dell’aria che, con il suo provenire dal basso, solletica le gambe.  Aria calda, umida a risalir il corpo e ti vergogni un po’ dei tuoi piccoli piedi…

settimana del design

L’uovo ha una forma perfetta, benché sia fatto col culo. Bruno Munari, Verbale scritto, 1992 Citazione inviatami stamane come buon giorno da un’amica che ben mi conosce. Sa quanto ami il design e lo stupirmi di fronte alla grandezza e all’ingegno delle egregie menti dei designer. Di quelli veri, sia chiaro. Stasera parteciperò ad alcune iniziative tanto moderne in cui tutti si…

ed è primavera, almeno a Milano

Oggi è il primo giorno di primavera. In anticipo rispetto al calendario canonico. Oggi si festeggia El tredesìn de Marz. Ed ecco la mia Milano, quella che amo e che pochi conoscono. I meneghini che la domenica mattina si trovano a discutere di politica in Galleria e urlano insulti tanto fantasiosi quanto irripetibili a chi…