di cani, di anelli e di numeri chimerici

Dato che è da molto tempo che non narro alcun episodio di vita condivisa con Mamma Nin, mi sento di riportare ben due brevi ma significative vicende.

Non mi resta che augurare buona lettura.


DI CANI e DI ANELLI 

25 dicembre, pranzo di Natale. Tre commensali. Un cane.

Mamma Nin: “Meno male che sei arrivata. Dobbiamo scartare i regali. Su, su, su spicciati a levarti quella specie di mongolfiera.”

Nin: “Va bene, va bene. Senza fretta, mica ci rincorre nessuno. Ecco, questi sono i vostri.”

Vengono scartati i regali, incluso quelli per il cane che, sovreccitato, inizia a mugolare rincorrendo le giallissime e pelosissime palline da tennis che rotolano, rimbalzano e rotolano ancora ogni dove, sotto i mobili e fra le gambe delle sedie. Pare che siano sempre state lì ad attendere il momento giusto per intralciare i nostri timidi e goffi movimenti; il loro è un rotondo “tom-tom” a ritmare l’inviolabile momento della sorpresa che è il giorno di Natale. E il cane, con loro, come sbrigliato in una frenetica rincorsa senza né traguardi né vincitori.

Tutto si placa e resta, orgoglioso e solingo, un pacchetto così piccolo da assicurare ricche grandezze e copiosi sorrisi. Insomma, le sue dimensioni sono garanzia di preziose lusinghe.

Mamma Nin: “Apri, è per te.”

Lentamente lo scarto, la carta è quella giusta, il fiocchetto ha molta classe, la scatolina è ricercata e ha una sua dignitosissima rispettabilità. La resistenza della molla del piccolo scrigno accresce l’emozione, il respiro involontariamente si sospende ed eccolo lì: un gloriosissimo anello da mignolo con la lettera C maiuscola a troneggiare in mezzo a un plateau di luminose lavorazioni.

Nin: “Grazie. Penso che avrò occasione d’indossarlo ma, Mamma, il mio nome inizia per F, non per C.”

Mamma Nin: “Lo so. Di F non ne avevano più. E poi è il mio di nome che inizia per C. L’anello ti serve per non dimenticarlo!”

 


 

E DI NUMERI CHIMERICI

Un pomeriggio piovoso di gennaio. Sala d’attesa dell’Ospedale San Raffaele di Milano. Ambiente enorme, scarsamente illuminato e poco riscaldato poiché non ci sono molte persone in attesa. Si prende il numero e ci sediamo in una fila vicino agli sportelli. 

Nin: “C’è da dire che qui è veramente organizzato. Vedi che ti dicono subito quante persone in attesa ci sono per la tua categoria? Così quando prendi il biglietto sai se hai il tempo per un caffè o per fare un giro prima di andare all’accettazione. Vedi? Davanti a noi ci sono sei persone Tu hai il G138 e hanno chiamato il G132. Comodo.”

Si chiacchiera del più e del meno tenendo d’occhio il tabellone della conta. Lo stato d’animo è tranquillo. La visita fa parte di un’ennesima tappa sul percorso delle indagini per risolvere un fastidio di Mamma Nin. Le combinazioni alfanumeriche scorrono luminose nel grande quadro e, quasi con sorpresa, vedo che mancano solo due numeri al nostro turno. 

Nin: “Ecco, ne mancano due e tocca a noi.”

Mamma Nin: “Guarda che ti sbagli, il tabellone dice che ne mancano sette.”

Nin: “No, Mamma, guarda bene. Hanno appena chiamato il G136. Poi c’è il 137 e poi noi. Quindi sono due.”

Mamma Nin: “Guarda che ti sbagli, il tabellone dice che ne mancano sette. Leggi bene.”

Leggo attentamente, scruto tutti i tabelloni della sala, mi guardo accuratamente attorno, osservo gli astanti, gli impiegati seduti dietro ai vetri, gli inservienti che fanno le ultime pulizie, di nuovo passo alla lettura delle sigle alfanumeriche questa volta però di ciascun sportello dell’accettazione e resto sempre convinta che manchino solo due numeri al nostro. 
Poi comprendo.
Un’illuminazione. E, bisbigliando

Nin: “Non vorrei destabilizzarti, Mamma, ma guarda che il computer del tabellone non fa riferimento al tuo turno come principio inossidabile e assoluto. Il sette che vedi significa che dopo di noi sono arrivate quattro persone.”

Mamma Nin: “Dici?”

Nin: “Dico, Mamma, dico.”

Mamma Nin: “Peccato. A pensarci sarebbe stato decisamente più comodo e sicuramente più corretto.”

merate_tabellone_ps1

Annunci

16 commenti Aggiungi il tuo

  1. arielisolabella ha detto:

    È tutto il mondo gira intorno a meeeeeee!!!! Canzone dedicata alla mitica Signora!! 😘😘😘😘😘😘😂😂😂😜

    1. ninjalaspia ha detto:

      …se non ci fosse, bisognerebbe inventarla 😀 😀 😀
      Tanto kiss, Amica 😉

  2. tramedipensieri ha detto:

    Superlativa! Quella dell’anello è strabiliante 😂😂😂

    1. ninjalaspia ha detto:

      Episodi, come dire, di normale quotidianità… 😀 😀
      Un grande abbraccio, stella. Kiss

  3. Drimer ha detto:

    Bellissima, forte la mamma 🙂

    1. ninjalaspia ha detto:

      Ehssì, direi unica. E poi è originaria della tua terra…esplosiva!
      Tanto kiss, Drimer

  4. Affy ha detto:

    Sarà normale quotidianità ma che spasso viverla!
    Complimenti a Mamma Nin :)))
    Un abbraccio da Affy ♥

    1. ninjalaspia ha detto:

      Ciao Affy! Ehssì, una personalità che fa decisamente distinguere Mamma Nin…impossibile ignorarla! 😃
      Un grande abbraccio a te, stella. Bacio

  5. evergreen ha detto:

    Ciao Ninja, come stai? 🙂

    1. ninjalaspia ha detto:

      Ma ciao, stella! Tutto bene, a giorni parto per la mia isola e solo l’idea mi esalta 😉; per il resto, tutto nella norma quindi bene.
      Tu ok? Come stai?

      1. evergreen ha detto:

        Bene! 🙂 Sto scrivendo un nuovo articolo ora… Purtroppo tristissimo stavolta. Ma si va sempre avanti nella lotta ecologista, a colpi di post sul mio blog 😉 Scrivo pure su un quotidiano online 🙂 Ti abbraccio tanto.

        1. ninjalaspia ha detto:

          Quale quotidiano? Se mi indichi un indirizzo web ti seguo più che volentieri.
          I tuoi articoli sono sempre più che interessanti, a volte veri rivelatori. Non ti ho mai fatto i complimenti quindi te li faccio ora.
          Fammi sapere della testata…

          1. evergreen ha detto:

            Si chiama “Il giornale del ricordo”, ma non scrivo solo io, e lì non scrivo tanto, anche perché bisogna trovare gli argomenti, e non è facile come scrivere su un blog 🙂 C’è un redattore che controlla tutto prima di pubblicare. Ma io ce la metto tutta 🙂

            1. ninjalaspia ha detto:

              Ottimo! …vado a curiosare. Credo che sia veramente difficile trovare gli argomenti giusti per approfondire certe tematiche e attrarre lettori. Non è semplice ma, quando ci si riesce, credo sia molto premiante. Bello! Bravo! Un’ottima scommessa con se stessi…

  6. evergreen ha detto:

    Che bello leggerti di nuovo 🙂

    1. ninjalaspia ha detto:

      Grazie. So che sto trascurando gli “amici di matita” ma tornerò. 😃😃
      Ti abbraccio, stella. Buona giornata a te 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...