liquida luminosità

Per constatare la confidenza con l’elemento acqua di sua figlia, mio padre, campione di nuoto in anni tanto lontani da apparire ingenui, mi spinse completamente vestita in una piscina. Avevo tre anni.

In quella serata estiva protetta da mamma e papà, ero una bimba appagata e orgogliosa dell’abitino da signorina con gonna lunga e corpetto in stile spagnolo corredato da scarpette in rafia tanto scomode quanto originali.

scarpe

Son certa che fu proprio quella sera che iniziai ad avere ricordi consapevoli e la prima indelebile emozione è sorta nell’istante di liquida luminosità che precedette l’impatto con l’acqua della piscina.

In particolare rivivo il lunghissimo e rarefatto volo cioè quell’insieme di emozioni provate fra la spinta che mio padre mi diede e l’impatto con l’acqua. Sbalordita, sconcertata, incredula, sola e pronta a tutto nonostante tutto. Ci sono frazioni di vita che si fissano in noi, indelebili, e ciò che scorre a gran velocità è l’impeto dei sentimenti loro correlati, emozioni anche contrastanti che rendono unico e intensissimo quell’attimo. Semplicemente indimenticabile.

Il mio primo ricordo è quindi quella spinta in piscina. Il secondo l’impatto liquido. Il terzo il peso del bell’abito a trascinarmi sul fondo; il resto è l’istinto e l’impulso che mi hanno fatto nuotare come un cucciolo verso mio padre a bordo piscina. Ricordo la determinazione a uscire dall’acqua e, senza una lacrima, l’impegno per riuscirci.

foto-del-giorno-03-05-2012_650x435

Negli anni ho poi sudato chilometri in corsie di acqua così clorata da rendere ancora vivido il bruciore agli occhi. Non sono mai stata competitiva, non mi è mai interessato dimostrare di esser la più veloce. Amavo lo studio del movimento in sospensione, la resa ottimale, l’assetto, la grazia nelle movenze in quell’elemento uterino che porta in sé l’assenza del peso del mondo. Nel pieno del mio vigore, ho quindi goduto di mari e oceani in anni movimentati e ricchi di energia come le onde che amo.

Fin qui i ricordi.

acqua

Oggi desidero tornare a un momento di liquida luminosità.

Ne ho la necessità per superare i timori che da qualche mese monopolizzano l’animo. Ora che la furia della fangosa battaglia di trincea è trascorsa, vivo la pace temporanea dell’attesa e della convivenza con pericoli ed eventualità cui sono predisposta a causa delle malattie e delle terapie. Un’estenuante guerra fredda.

Mi scopro disarmata dinnanzi ai nuovi limiti del fisico, alla nuova estenuazione, alla nuova me, a ciò che non sono più. In un certo senso mi sono persa e provo una strisciante inquietudine che deve sparire.

Approvo i cambiamenti, ne ho cercati e realizzati molti, e se la Vita me ne ha imposto uno, o più di uno, sono in grado di accettarli. Vorrei solo un momento di liquida luminosità, quell’indelebile emozione che ti fa scoprire il mondo e che porta in sé la meraviglia per le nuove esperienze.

74cf352858_1340432_med

Ora che son considerata da alcuni matura e in qualche modo saggia, ora che l’immagine e le capacità sono quelle della donna indipendente, vorrei esser nuovamente spinta in una piscina dal nome Futuro.

Desidero esser accompagnata con dolcezza e comprensione, con pazienza e levità; vorrei esser sostenuta e sostenere a mia volta grazie alle consapevolezze che ho acquisito. Le malattie croniche hanno un’insita bellezza perché schiudono con incredibile velocità orizzonti a cui in genere si arriva tardi. Per me ogni giorno trascorre con sempre maggiore chiarezza e tale lucidità è il dono indelebile che questa esperienza mi sta dando e di cui posso trasmettere tutta la positività per un nuovo inizio.

Sono una bimba, solo un poco cresciutella, e vorrei lasciarmi andare a una piccola spinta consapevole che c’è qualcuno che mi osserva a bordo piscina con accondiscendenza e con la consapevolezza che si vive un inizio, un debutto.

È per questo che ho deciso che domani andrò a comperare un paio di scarpine in rafia, sia mai che qualcuno veda la bimba che è in me e che mi inviti ad andare a una festa a bordo piscina.

rafia

14 Comments Add yours

  1. tramedipensieri scrive:

    Penso che prima o poi qualcuno veda questa bella bimba, forte e luminosa….!
    In bocca a lupo!

    un abbraccio
    .marta

    1. ninjalaspia scrive:

      Ciao Marta !
      Non è semplice purtroppo e le persone disposte e disponibili sono sempre più rare. Non mi perdo d’animo comunque e, ne son certa, riuscirò a tuffarmi anche da sola 😉 basta aver pazienza.
      Un forte abbraccio a te 😘

  2. arielisolabella scrive:

    Penso che domani farò’ lo stesso.adoro la rafia 😊

    1. ninjalaspia scrive:

      E io adoro te! 😀😃😀😃
      Dici che in clima di saldi dovremo accontentarci o potremo trovare buone e sostanziose occasioni?
      Un grande bacio a te, Amica mia 😘

      1. arielisolabella scrive:

        Secondo me ci potremo permettere anche una borsa😜!

        1. ninjalaspia scrive:

          …sono andata, stamane, per vetrine ma mi dicono che per la rafia sono troppo in anticipo o in ritardo. Gente di poca fantasia! ;-D
          Buona giornata, stella. Piciùk

          1. arielisolabella scrive:

            Io ho trovato una borsa ! Piccola buffa è che mi fregherà’ mia figlia ma mi farà pensare a te 😊

  3. Andrea scrive:

    Mi piacrebbe sapere cosa ha detto tua mamma a tuo papà un attimo dopo che lui ti ha spinta nella piscina🙂
    Ciao Nin!

    1. ninjalaspia scrive:

      Ma ciao!

      Non ho idea ma indagherò. Suppongo non abbia detto nulla, si fidava di mio padre… 😉
      😘

  4. Ho letto questo tuo articolo in uno stato tutto particolare. Non sapevo delle tue sofferenze e ho colmato parzialmente la lacuna leggendo “LE DATE CHE NON DIMENTICHERÒ”. Ho trovato bellissima l’immagine della bimba che solleva il mare.
    Il mio commento, di uomo di medicina che ha vissuto venti anni in sala operatoria come anestesista, non può essere che di incitamento a credere tu in te stessa… ai tuoi “motori” e ai motori della natura.
    Mi fermo e… buona notte!
    Quarc

    1. ninjalaspia scrive:

      …notte strana anche per me, pensieri, pensieri e pensieri. Poi mi giro, guardo l’ora sul cellulare e vedo il tuo commento. Ho letto alcuni articoli del tuo blog e non posso che dirti grazie. Hai ragione, in noi stessi è l’energia per proseguire; solo in noi stessi e in Madre Natura il motore di tutto. Sto ricominciando, piano piano, e conto solo su me stessa anche perché l’empatia non è di tutti, la solitudine è solo tua e le apparenze ingannano anche i più volenterosi, i più possono solo ascoltare le tue parole ma non comprenderle. Semplice non conoscenza e non accuso nessuno (ne ho scritto in alcuni articoli) ma ora, in questi giorni, la sensazione di solitudine e fatica è ancora più pressante.
      Poi giunge un commento come il tuo e articoli come i tuoi e la bimba si quieta🙂
      Grazie

      1. Se ti sono stato utile… mi fa moltissimo piacere.
        Per il momento… ci sono ancora… se hai voglia di scrivermi…
        Quarc

  5. Nicola Losito scrive:

    Il mio augurio per il 2015 è che qualcuno a cui vuoi bene ti accompagni al bordo della piscina della tua infanzia e ti convinca ad affrontare con serenità tutte le difficoltà del momento. Le supererai come da piccola hai imparato a nuotare.
    Nicola

    1. ninjalaspia scrive:

      Ciao Nicola!
      Ben tornato, che piacere il tuo commento.
      Grazie per l’augurio, hai colto nel segno. Manca qualcuno nel quotidiano, è così. Vedremo che accadrà in questo anno 😉
      Racconterò.
      Per ora ti auguro anche io il meglio per un anno di serenità con un pizzico di leggera follia 😉
      Un grande abbraccio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...