quel particolare sorriso

Beati gli smemorati, perché avranno la meglio anche sui loro errori.

images
(Friedrich Nietzsche)

Ogni volta che mi porgono quel particolare sorriso il mio spirito si abbandona a un tenue, contrastante, sentimento: il breve ciondolio del cuore fra il desiderio di godere della letizia di colui che sorride e la sensazione di insistente, fastidiosa, indiscrezione.

Il sorriso a cui mi riferisco è quello degli smemorati; in genere è accompagnato da uno sguardo limpido, dalle sfumature a tratti infantili, e allude a ulteriori definizioni come dimenticone, distratto, sbadato, svagato, ritardatario. La sensazione che percepisco nelle persone dotate di tale sorriso è di gaiezza, giocondità e piacere nell’esserci comunque, anche se in ritardo. È come se si trovassero con te quasi per caso nonostante si sia pianificato l’incontro e nonostante la tua modernissima e inattaccabile precisione e puntualità. Distrattamente sono presenti e distrattamente si fanno accogliere con quel particolare sorriso da monello.

Da qui l’insistente e fastidiosa sensazione di indiscrezione.

Devo ammettere che appartengo a quella categoria di persone che arrivano in anticipo agli appuntamenti, che convivono con agende e calendari e che quindi spendono parte dell’esistenza nell’arida organizzazione della propria e, gaudio gaudio, dell’altrui vita. Ultimamente mi rendo conto dei limiti di tale atteggiamento e la sensazione predominante è quella di aver perso tempo. Molto tempo. Un lasso di tempo esagerato. Se ci penso mi vengono anche i brividi.

E’ un periodo in cui rifletto molto e la parola “forse” affolla ripetutamente i miei vaghi pensieri; in questo caso, quindi, forse a causa e per effetto dell’esperienza cui ti conducono le malattie gravi, forse per una naturale maturità dovuta agli anni trascorsi ad accumulare esperienza o forse per una ritrovata ingenuità, ecco che quando qualcuno mi porge quel particolare sorriso sento l’indiscrezione della sua gaiezza a svelare l’aridità del mio aver perso tempo nell’organizzare e rispettare scadenze e orari.

Non è mia intenzione negare una dote che tanto mi ha aiutata a raggiungere obiettivi e a realizzare piccoli-grandi sogni ma mi rendo conto che l’innato senso dello scorrere del tempo per cui mi sono sempre distinta ha, forse, giocato contro se stesso.

Degli smemorati con quel particolare sorriso e della limpidezza infantile del loro sguardo in realtà invidio la capacità di godere del momento per cui qualunque programmazione ha senso solo nel momento in cui si realizza. Inutile affannarsi, vano supporre di ottimizzare il tempo che conduce a un obiettivo con la tensione e la concentrazione alla puntualità perché è semplicemente infruttuoso e privo di passione, di trasporto, di emozione.

man try to remember

Credo che la Vita consista soprattutto nella capacità di provare tensione emotiva, meraviglia, stupore, curiosità e gli smemorati mi sembrano esperti nel dar valore al presente. Sono abili nel godere del momento, hanno l’animo lieve e i loro pensieri han la forma e l’incedere delle nuvole. Così li percepisco e li vivo quotidianamente e son certa che sanno dare la giusta dimensione ai loro errori, non dimenticandoli ma, forse, semplicemente superandoli. Forse, chissà.

14 Comments Add yours

  1. romolo giacani scrive:

    Io sono un grande smemorato, ma proprio per questo mi appunto ogni cosa e divento maniacale al contrario. Ma sta tranquilla che comunque riesco a scordarmi lo stesso!

    1. ninjalaspia scrive:

      Quindi hai anche tu quel particolare sorriso, un po’ vago e fanciullesco, che tanto mi piace😉
      L’importante è che la mania di appuntare non ti faccia perdere il gusto dell’essere “qui e ora”.
      Un grande abbraccio, Romolo, piciùk🙂

  2. Silvia scrive:

    Ci sono quelli che lo sono….e vivono quasi in un loro mondo, sicuramente sereno….ma ci sono anche quelli che lo fanno….e allora non li sopporto proprio.
    Buon fine settimana🙂

    1. ninjalaspia scrive:

      Ottima distinzione, Silvia. Anche io non tollero chi finge di esser un dimenticone. Riesco tuttavia a individuarli e quindi li ripago, a fatica, con la stessa moneta.
      Resta inteso che invidio l’esser al di là delle contingenze di chi proprio non ha la capacità di concentrarsi su pianificazioni e appuntamenti, credo che sappiano sul serio godersi il momento vivendolo più di quanto abbia fatto io fino ad oggi.
      Per ora, cara mia Silvia, ti abbraccio forte forte e tanti sogni d’oro a te❤

  3. Crazy Cruises scrive:

    “Hanno l’animo lieve e i loro pensieri han la forma e l’incedere delle nuvole” ..meno male!!Stavo per darmi testate al muro ;P
    Confesso: sono spesso dimenticona, soprattutto dopo il fattaccio, ma non è una scusa..è che si è accuita in modo spropositato e i miei sorrisi e i miei sguardi giuro son davvero smarriti !!Ahahahah!!
    La prendo in modo positivo come tutte le cose che scrivi!
    Un abbraccio

    1. ninjalaspia scrive:

      😀😀😀
      ciao stella! Mi fa piacere tu sia del gruppo dei “dimenticoni”, sapete come godere della Vita che in realtà si fa vivere nei momenti fra un appuntamento e un altro, fra un impegno e un altro, fra una nota e un’agenda😉
      …e io mi godo il vostro sorriso e quello sguardo tanto dolce di chi sa di aver fatto una marachella ma che poi non è tanto grave😉
      Un grande abbraccio a te, stella mia❤

      1. Crazy Cruises scrive:

        Nonostante sia dimenticona di mestiere agli appuntamenti è raro arrivi in ritardo😉
        Però è vero che cerco di godermi la vita, nonostante le mille difficoltà, e anche un pò di sole o un cielo stellato, riescono a farmi sorridere e a sognare di mondi lontani.
        Dimenticona e sognatrice…un mix pericoloso me ne rendo conto..ma che ci posso fare ;P

        1. ninjalaspia scrive:

          …direi un mix fantastico! Sei bella. Tanto tanto kiss, stella mia😉

          1. Crazy Cruises scrive:

            Senti chi parla🙂 bacio grande !

  4. 65luna scrive:

    Io, che vivo perennemente fra le nuvole, non sono molto smemorata, almeno…mi infastidisce pero’ chi gioca sul fatto di “avere corta memoria”! Buona settimana,65Luna

    1. ninjalaspia scrive:

      Buon giorno e buon inizio settimana a te!
      Anche a me infastidiscono le persone che fanno finta di esser distratte, in genere li ripago (con difficoltà) con la stessa moneta. Li individuo dal sorriso e dallo sguardo che non hanno nulla dell’imbarazzo di un bimbo che ha commesso una marachella😉
      Per ora tanto kiss, stella🙂

  5. evergreen scrive:

    Anche io vivo da “programmatore”, ho una mia agenda, una mia tabella di marcia, voglio che sia tutto pianificato, e vivo così, nell’inseguire i miei piccoli e grandi obiettivi, nello scalare dolci colline e altissime e durissime montagne… quelle dei miei obiettivi, dei miei desideri, che si scontrano con una realtà che tenta di togliermi speranza… Perché il futuro si basa sul presente, e per ora non vedo ancora una strada ben precisa…
    Ma adoro vivere anche di momenti, di istanti di gioia. E sono quelli che mi rendono più felice. Mi rasserenano, anche se non mi basta mai…

    1. ninjalaspia scrive:

      Siamo simili e anche io trovo sicurezza nella programmazione. Ultimamente però mi rendo conto che a volte mi son persa la bellezza di quel momenti del “viaggio” che conduce alla meta. Il viaggio e ciò che non si può prevedere, e in esso risiede tanta Vita che a volte supera la stessa realizzazione degli obiettivi.
      Buona settimana, stella e un grande abbraccio😉

  6. Topper scrive:

    Mi ritrovo nella tua descrizione di smemorato ma solo a tratti. E questa è una di quelle cose che vorrei migliorare di me, anche se non mi è chiaro come. Nel senso che, in certi aspetti, sono preciso e scrupoloso, un orologio che non ha bisogno di appuntare nulla perché lo ha ben impresso in testa, con ciò che deve fare, quando e come. In altre cose invece sono proprio lo smemorato di cui parli. Non è una questione di priorità perché spesso, paradossalmente, ho quel sorriso là nelle cose più importanti. Non me lo spiego. Tra l’altro sono uno che scrive tantissimo e ovunque ma c’è sempre qualcosa nella mia testa che si sposta a scapito di altre. E’ un continuo rimescolamento, il che mi piace pure ma a volte mi crea qualche disagio.
    La mia ragazza domenica ha indossato un abito nuovo carinissimo e io volevo dirglielo. Ma non ricordavo se lo aveva già messo oppure no e quindi sono stato zitto, anche perché era già successo che le facessi i complimenti per un vestito che già conoscevo! Beh, glielo ho fatto capire in altro modo ma immagino di avere avuto quel sorriso là. Fortuna che mi conosce…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...