forse non tutti sanno che…i baffi

E’ da tempo che mi chiedo il motivo scatenante della mania dei baffi. Ammettiamolo, non stanno bene a tutti ma sembra che ciò poco interessi ai giovani e meno giovani, ai moraccioni e ai biondoni, ai grigetti e ai grigioni e, naturalmente, ai bianconi. Pace, passerà anche questa, mi dico.

Poi ho notato il dilagare del simbolo dei baffi soprattutto nelle popolazioni anglosassoni e mi ritrovo circondata dalla loro icona in stile primi del ‘900. Ovunque, perfino sulle unghie! In pratica una moda.

Screen-Shot-2013-07-08-at-23.09.51

A parte il significato positivo del “avere i baffi” con accezione di eccellenza, mi son chiesta se tale mania avesse un senso altro da quello tutto nostrano quindi più profondo.

Indago ed ecco la ragione di questa moda globale: è stata lanciata a fin di bene da un’associazione australiana impegnata nella lotta contro il cancro alla prostata e ai testicoli.

Il nome della fondazione è Movember, unione di Mo (moustache, baffi) e November. Ogni anno nel mese di novembre l’associazione invita gli uomini di tutto il mondo a farsi crescere i baffi con l’obiettivo di attirare l’attenzione sulla prevenzione e la salute maschile. Chi desiderasse partecipare alla campagna può registrarsi sul sito e pubblicare due foto, scattate il 1° Novembre e alla fine del mese, e usare i social media per diffonderle così che l’effetto prima/dopo attiri l’attenzione di chiunque e raccontare lo spirito e l’obiettivo dell’iniziativa. Insomma, un modo assai concreto e semplice per contribuire a diffondere preziose informazioni.

Chiaramente, nota dolente, l’Italia non rientra nella rete dei Paesi che fanno parte di questa associazione. L’unico sito che divulga tale iniziativa in lingua italiana è quello della Svizzera. Della Svizzera, ragazzi!

Quindi vediamo di darci da fare e di smetterla di immaginare che parrucche e fiocchetti rosa, baffi pelosi o solo disegnati e piazzati ovunque siano sufficienti per affrontare il tema del cancro. L’empia moda non porta a nulla e il cancro appartiene a tutti noi. Noi italiani, famosi nel mondo per il design e la moda, per le produzioni d’eccellenza e per la cultura dovremmo sul serio appropriarci del senso profondo di apparenti manie.

Cliccando l’immagine qui sotto potrete leggere i contenuti delle iniziative della fondazione in lingua italiana.

movemberface

13 Comments Add yours

  1. ancorase scrive:

    Fare del bene è molto più semplice. A chi mi dice: “Ti sei fatto crescere la barba?”, io rispondo: “La mia barba cresce da sé”. A chi mi chiede: “Fai volontariato?”, rispondo: “No, lascio agire il bene che è in me” (con o senza baffi).
    Grazie dello spunto, Si.

    1. ninjalaspia scrive:

      Mi fa piacere aver “sollecitato” uno spunto. Il limite fra moda ed essere. Non da tutti!
      Un abbraccio e grazie a te del passaggio.😉

  2. diamanta scrive:

    grande tu che ti sei posta la domanda e così lo hai detto a noi!

    1. ninjalaspia scrive:

      Diciamo che più che “grande” questo post è il risultato di un mio modo di esser pedante…😉😀
      E poi, amica mia, spero sempre che qualcuno faccia proprio un messaggio a cui tengo.
      Mi fa piacere abbia apprezzato il post. Un grande abbraccio a te.🙂

  3. tramedipensieri scrive:

    Non ne sapevo niente.
    Grazie

    un sorriso
    .marta

    1. ninjalaspia scrive:

      Anche io non sapevo nulla fino a stamane poi, casualmente, ho scoperto l’origine della moda quindi l’associazione.
      Buona giornata, Marta🙂

  4. evergreen scrive:

    “è proprio una camicia coi baffi” diceva Maurizio Costanzo😀

    1. ninjalaspia scrive:

      Ma sai che avevo messo nel post il richiamo a quella campagna di Costanzo? 😃 poi l’ho levata pensando do esser poco intesa…non tutti la ricordano! 😉

  5. Antonio scrive:

    a prescindere dal messaggio encomiabile che il tuo post intende diffondere, non mi piacciono particolarmente i baffi…invecchiano notevolmente.
    ciao carissima🙂

    1. ninjalaspia scrive:

      Grazie, Antonio, condivido il tuo gusto estetico ma guai ad accennare alla cosa ;-D
      Come non tutte le donne possono permettersi la minigonna così i baffi stan bene a pochi uomini.
      Mi sa che comunque a novembre farò un paio di foto con e senza baffi (posticci, chiaro) per l’associazione australiana, sia mai che chiccheechessia decida di inaugurare e curare la sede italiana. Grazie per il passaggio e un grande, enorme abbraccio a te😉

  6. melodiestonate scrive:

    ma sai che quando ero ragazza con i miei andavo a vedere la gara dei baffi😀 non ti dico che divertimenti a vedere dei grassoni con baffi lunghissimi…cmq ne vedevi di tutti i tipi, coloro e lunghezze. ciao cara

    1. ninjalaspia scrive:

      Sono un “passatempo ” e un vezzo particolarissimo e di fantasia. Che bel ricordo hai, deve essere stato divertentissimo 😄😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...